Corriere della Sera

Infine la Sonata op. 109 in Mi maggiore di Beethoven. […] Carusi canta con soavità solennissima e sintetica: e in questo si vede che proviene dalla scuola russa, giacché nella...

Continue reading →

Amadeus

Nazzareno Carusi è il simbolo italiano di un pianismo che accetta la sfida della più vasta e ‘leggera’ popolarità mediatica senza nulla cedere del rigore tecnico-interpretativo preteso dalle più ardue...

Continue reading →